federconsumatorigiovani.it :




 

LE MAGLIE UFFICIALI DEGLI EUROPEI DI CALCIO 2012 CONTENGONO SOSTANZE CHIMICHE DANNOSE

Le maglie degli europei 2012 sono nocive per la salute e l’ambiente. A dirlo è l’associazione dei consumatori europea BEUC che ha pubblicato il risultati delle analisi lo scorso Martedì 5 Giugno, appena tre giorni dal calcio d’inizio del torneo.
Monique Goyens, Direttore Generale BEUC, ha così espresso tutta la sua indignazione per la questione: “ gli appassionati di calcio arrivano a spendere fino a 90 € per una maglia della loro squadra del cuore. Il minimo che ci si dovrebbe aspettare è di avere un prodotto di qualità e sicuro. E’ inaccettabile che metalli pesanti vengano utilizzati in prodotti destinati al consumo di massa, ed è chiaramente sleale da parte dei produttori utilizzare sostanze dannose sia per l’ambiente che per i consumatori”.
Il test ha coinvolto le maglie di nove squadre diverse (Italia, Spagna, Germania, Portogallo, Polonia, Russia, Ucraina, Olanda e Francia) e tutte sono risultate contenere livelli allarmanti di sostanze chimiche pericolose. In sei divise è stata riscontrata la presenza di piombo (Italia, Spagna, Francia, Germania, Russia, Ucraina). Inoltre nei kit provenienti da Spagna e Germania il livello di piombo eccedeva i limiti raccomandati per i prodotti destinati ai bambini.
La BEUC ritiene inoltre opportuno che sia vietata definitivamente la vendita nei negozi delle maglie del paese ospitante gli europei (Polonia) in quanto conterrebbero un alto tasso di composto organostannico,  in dosi eccessivamente elevate rispetto al limite legale. Il composto organostannico è un composto chimico utilizzato per prevenire l’odore di sudore che può danneggiare il sistema nervoso se utilizzato oltre i limiti. Nelle maglie destinate al mercato di Italia e Spagna sono state riscontrate tracce di Nonilfelono, sostanza che può turbare il sistema endronico e che è vietato per gli effetti dannosi dovuti agli scarichi idrici.
I risultati di questi test sono una triste conferma della scarsa incisività ed inadeguatezza della legislazione sul materiale chimico dei prodotti di consumo. La prossima revisione in arrivo della REACH (legislazione chimica europea rivolta alla regolamentazione e riduzione degli elementi nocivi alla salute dei lavoratori e consumatori) potrebbe essere sicuramente un’ ottima occasione per affrontare questi temi con maggiore serietà e per impostare un’ offensiva unitaria europea al problema.
Alla luce quindi di queste considerazioni si raccomanda la massima prudenza negli acquisti delle nuove divise create in occasione degli europei 2012.

 


HOME

CHI SIAMO

FORUM

LINKS


DILLO A NOI

Dettagli





Invia
Se vuoi contribuire con allegati clicca qui


Note


  • Currently 2,7/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Votato 2,7/5 stelle (177 voti)